Lightland Soluzioni Energia srl: Fotovoltaico di qualità in Toscana   SunPower Premier Partner Fotovoltaico Migliore   Partner Autorizzato Tesla Energy Powerwall

Impianti FotovoltaiciPannelli Radianti, Caldaie a BiomassaEolico

SUPER AMMORTAMENTO 140% O DETRAZIONE FISCALE DEL 50% 2016  SCAMBIO SUL POSTO 2016 = RISPARMIO  

REALIZZA CON NOI TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO NEL 2016

CON I NUOVI MODULI SUNPOWER DISPONIBILI DA NOI:

MODULI SUNPOWER X22 360 Wp, MODULI SUNPOWER X21 345 Wp,

MODULI SUNPOWER E20 333 Wp, MODULI SUNPOWER E20 327 Wp,

MODULI SUNPOWER P17 340 WATT

CHIAMACI PER LE NUOVE QUOTAZIONE DI IMPIANTI CON I

MODULI SUNPOWER CON 25 ANNI DI GARANZIA


 Oggi puoi scegliere l'impianto fotovoltaico che più si addice alle tue esigenze:

- Fotovoltaico tradizionale (senza accumulo ma connesso alla rete elettrica)

- Fotovoltaico con Accumulo connesso alla rete elettrica

- Fotovoltaico Accumulo non connesso alla rete elettrica.

In tutti i casi puoi detrarre il 50% del costo e se non puoi detrarre, con noi, puoi richiedere i cerificati bianchi

Impiati fotovoltaici tradizionali Fotovoltaico con accumulo on grid e Fotovoltaico con accumulo off grid

CONTATTACI AL NUMERO VERDE PER IL TUO IMPIANTO FOTOVOLTAICO TRADIZIONALE O CON ACCUMULO

Numero Verde Fotovoltaico 

Impianti fotovoltaici, vendita di energia e tasse

Redditi da un impianto fotovoltaico: un pò di chiarezza per correttezza

OkNotizie

Tassazione fiscale: Nel quadro di incentivazione del Conto Energia, ogni impianto fotovoltaico produce di per sè un ricavo per il solo fatto di produrre energia usando fonti rinnovabili. Questa prima fonte di ricavo è la tariffa incentivante , ovvero una tariffa riconosciuta per ogni Kwh prodotto dal tuo impianto. Questa tariffa, se abbinata a particolari condizioni dell’impianto o ad altri particolari interventi sull’edificio, può essere maggiorata di una certa percentuale: questo è, per esempio, il premio abbinato all’uso efficiente dell’energia. La seconda fonte diretta di reddito è quella derivante dall’eventuale vendita dell’energia prodotta (vendita che può essere rivolta al gestore di rete o direttamente sul mercato libero). Il regime fiscale da applicare ai ricavi agisce su entrambe le fonti di reddito e le modalità di tassazione sono dipendenti dal tipo di regime scelto per la propria installazione (scambio sul posto o vendita) e dal profilo fiscale del responsabile dell’impianto (persona giuridica, fisica, condominio o altro).

1. In generale per la parte di reddito proveniente dalle Tariffe incentivanti si ha rilevanza ai fini delle imposte dirette solo se l’energia in eccesso rispetto ai propri autoconsumi viene venduta e se il soggetto responsabile è una persona fisica, ente non commerciale o condominio che NON utilizza l’impianto nell’ambito di una attività di impresa. In particolare si distinguono due casi: installazioni di potenza minore o uguale a 20 Kw posti al servizio dell’abitazione o sede dell’utente, e installazioni di stessa taglia NON poste al servizio dell’abitazione dell’utente (o sede dell’ente). Nel primo caso la vendita di energia in eccesso NON si configura come attività commerciale e pertanto la tariffa riconosciuta non assume rilevanza ai fini delle imposte dirette né ai fini della ritenuta d’acconto del 4%. Nel secondo caso, invece, l’energia prodotta in eccesso rispetto ai propri autoconsumi si considera venduta come “attività commerciale”: si considera quindi fiscalmente come una attività imprenditoriale con i relativi obblighi fiscali e amministrativi, per la sola parte corrispondente all’energia venduta. Di conseguenza la tariffa incentivante, per la parte corrispondente all’energia ceduta, si configura come componente di reddito di impresa. Pertanto è soggetta a IRPEF o IRES/IRAP nonché alla ritenuta d’acconto del 4%.

2. Per la parte di reddito derivante dell’energia venduta, invece, i proventi costituiscono sempre reddito tassabile, ma, se rientra in una attività di impresa o no, è rilevante ai fini delle modalità di tassazione. Se la vendita dell’energia è effettuata da un soggetto che NON esercita attività di impresa, oppure proveniente da un impianto minore o uguale ai 20 Kwp di potenza, oppure proveniente da un impianto destinato a soddisfare i bisogni energetici dell’abitazione o della sede, allora i proventi sono qualificati come “reddito diverso” ovvero come reddito derivante da una attività commerciale NON esercitata abitualmente. L’inclusione di tali ricavi tra i “redditi diversi” comporta che la cessione dell’energia non sia soggetta né a IVA né a ritenuta d’acconto, anche se è obbligatorio comunque dichiarare e assoggettare a tassazione il reddito nella dichiarazione fiscale. Inoltre, in quanto “reddito diverso”, il responsabile dell’impianto NON deve adempiere agli obblighi amministrativi e fiscali peculiari di una impresa commerciale. I costi sostenuti per l’acquisto o realizzazione dell’impianto, inoltre, NON possono essere dedotti come spese inerenti alla produzione del reddito (in questo caso, come sopra citato, anche la parte di reddito relativa alla tariffa incentivante non ha rilevanza reddituale  e non deve quindi essere nè dichiarata né tassata).

In tutti gli altri casi in cui viene venduta l’energia in eccesso prodotta dall’impianto fotovoltaico, si parla di “esercizio di attività commerciale” e quindi di “impresa”. In questo caso, quindi, i proventi della vendita di energia costituiscono “componenti positivi di reddito” che vanno a costituire il reddito di impresa. In tal caso, infatti, può anche essere detratta l’IVA pagata per la realizzazione dell’impianto.

Offerta fotovoltaico chiavi in mano

impianti fotovoltaici chiavi in mano - fotovoltaico lightland facile scritta

SUNPOWER, ASTRONERGY

Offerta KIT FV installatori

ItaliaFotovoltaica